La base per una buona dieta? Una buona spesa. 10 e più consigli per riempire il carrello al meglio

La base per una buona dieta? Una buona spesa. 10 e più consigli per riempire il carrello al meglio

post it spesa buona per dieta

Sono finalmente finiti tutti gli “avanzi” ipercalorici delle feste natalizie? Panettoni, torroni e dolci di ogni sorta che avete trovato nella calza della Befana? Bene, è ora di dare una sistemata al vostro frigo e alla vostra dispensa, di ricominciare a mangiare sano e di rimettervi in forma.

Oggi vedremo insieme dei trucchi per fare una spesa adatta a mantenervi in salute e con una linea invidiabile per tutto l’anno, permettendovi in ogni caso di sgarrare durante dei particolari periodi.

LA BASE DI UNA BUONA DIETA è UNA BUONA SPESA

1)E’ inevitabile che trovare nella credenza merendine e cibi appetitosi vi spingerà a lasciarvi andare a spuntini molto calorici non appena ne avrete occasione. Come prima regola cercate di riempire il frigo e la dispensa di cibi salutari e non di cibi grassi e tentatori.

2)Preparate a casa una lista completa di quello che dovete comprare, non pensate “vedo quello che c’è e decido cosa comprare sul momento”. Se avrete da subito le idee chiare sui prodotti di cui avete bisogno e sulle corsie da percorrere, vi salverete dai reparti più pericolosi.

3)Evitate di andare a fare la spesa a stomaco vuoto, da sazi sarete in grado di passare davanti alle centinaia di varietà di cioccolata senza battere ciglio.

carrello della spesa

 

 

QUALI SONO I PRODOTTI CHE NON POSSONO MANCARE NEL VOSTRO CARRELLO?

1)Soffermatevi di più nel reparto ortofrutta, che di solito è il primo reparto che incontrate nei supermercati. Ricordate che dovreste mangiare una porzione di frutta e verdura per 5 volte al giorno, quindi almeno un terzo del vostro carrello dovrebbe essere pieno di questi alimenti. Preferite prodotti freschi e di stagione, ma anche quelli congelati non sono da disprezzare.

2)Non limitatevi a comprare sempre la solita pasta (meglio se integrale). Orzo, farro, riso, quinoa e miglio sono delle alternative sfiziose e rimangono buonissime anche per il giorno seguente, se conservate in frigo. Non dovete bandire il pane, ma state alla larga da quello troppo lavorato (panini all’olio, al latte, con i pezzi di pancetta), meglio il classico filone di grano duro o il pane integrale.

3)Se siete amanti degli affettati, scegliete quelli più magri come bresaola, petto di pollo o petto di tacchino. Non siate pigri, fate la fila al banco e prendeteli freschi, quelli già confezionati costano di più e per essere conservati più a lungo sono stati riempiti di nitriti e di nitrati.

4) Comprate carne e pesce freschi, se le vostre finanze ve lo permettono. Mangiate carne rossa una volta a settimana, prediligete tagli magri e carni bianche come il pollo, il tacchino o il coniglio.

5) Evitate i formaggi troppo grassi, soprattutto quelli cremosi. Largo alla ricotta e allo stracchino.

6) Con lo yogurt potete abbondare, ma attenzione a scegliere quelli con lo 0,1% di grassi.

7) Un tasto dolente sono i prodotti per la colazione. E’ vero che la mattina potete permettervi di mangiare di più perché avete bisogno di incamerare energie per affrontare la giornata, ma strafogarvi di biscotti e di merendine vi appesantirà e basta. Puntate su latte, cereali, frutta fresca e l’immancabile yogurt.

8) Un altro prodotto che non può mancare nel vostro carrello è la frutta secca, in particolare mandorle, noci e nocciole. Sono ricche di grassi buoni e con una manciata potete garantirvi uno spuntino molto sano e saziante. Non esagerate perché sono abbastanza caloriche.

9) Vi ho detto di preferire prodotti freschi, ma la vostra dispensa ha comunque bisogno di un po’ di scatolame per situazioni di emergenza o quando, semplicemente, non avete tempo di tenere a bagno per ore i fagioli secchi. Comprate un paio di barattoli ciascuno di ceci, fagioli e lenticchie.

10)Concedetevi un paio di uova a settimana. Puntate su quelle fresche, biologiche e provenienti da galline allevate a terra.

11) Per quanto riguarda le bevande, pollice in sù per l’acqua naturale, il tè verde e tisane di vari tipi. Pollice in giù per gli alcoolici, le bibite gassate. Non esagerate con i succhi di frutta, a meno che non siano quelli senza zuccheri aggiunti.

Non è necessario seguire alla lettera questi suggerimenti, anche perché nessuno merita la sofferenza di essere perennemente a dieta, neppure il peggiore dei vostri nemici. Prima di salutarvi voglio lasciarvi degli ultimi consigli.

1)Leggete le etichette: Potrete evitare errori madornali come comprare biscotti che contengono grassi idrogenati. Vi sarà utile anche per trovare i prodotti con le caratteristiche che fanno al caso vostro, es: poche calorie, alto valore proteico, presenza di fibre etc.

2)Provate  alimenti alternativi: Avete mai provato il latte vegetale? Quello di cocco, di soia, di mandorla sono delle soluzioni perfette per chi è intollerante al lattosio.

3)Guarda in alto e in basso sugli scaffali: Le aziende spesso pagano di più per collocare i loro prodotti al “livello degli occhi” e questi costi aggiuntivi sono generalmente trasferiti sui consumatori.

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

Author: ErikaStreppa

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

ErikaStreppa

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

Lascia un commento

Chiudi il menu