Come scegliere la colf. Quali sono i requisiti  base?
Mary Poppins

Come scegliere la colf. Quali sono i requisiti base?

post-it-trovare-la-colf

Vivere da soli significa doversi occupare di molte cose. Per il primo periodo consiglio di fare da soli le faccende domestiche così da rendersi conto di quali sono le “problematiche” della casa ed essere poi in grado di farsi aiutare al meglio. Insieme al decluttering (sbarazzarsi degli oggetti vecchi e inutili), lo space clearing è una vera e propria disciplina che teorizza il buon mantenimento, e quindi il buon funzionamento, della casa attraverso la pulizia e il riordino degli spazi. Se avete tempo potreste frequentare un corso per poter poi essere dei bravi insegnanti per la vostra colf.

Se potete permettervi economicamente un aiuto, arriva un momento nel quale non riuscite a stare dietro a tutto ed allora decidete di avvalervi della colf.  Il primo step è più che altro riflessivo, ovvero dovete soffermarvi sul perché vi serve una collaboratrice domestica. Quindi, buttate già una lista delle caratteristiche che a vostro avviso il candidato ideale dovrebbe avere (ad esempio: puntualità, precisione, ecc.), non dimenticandovi di sottolineare i nei che non dovrebbe assolutamente possedere ( per esempio nel mio caso, che non fumi e che durante il lavoro non usi mai il telefono a meno di gravi emergenze). Un altro elenco da stilare riguarda i lavori domestici che volete affidare alla persona da selezionare (per esempio io ho scelto due volte a settimana, facendole fare ogni volta a fondo una zona di casa, pulendo però sempre anche bagni e pavimenti, le altre giornate alle piccole pulizie ci penso io e non la faccio stirare). Domandatevi se dovrà  lavorare solo in casa o se dovrà anche espletare delle mansioni esterne (ad esempio: fare la spesa).

Una volta deciso chi state cercando dovrete chiedervi quanto potete spendere al mese per lei? Considerate che la spesa oraria per una colf va dai 7 ai 9 euro l’ora ( le tariffe oltre i 9 euro cercate di non prenderle in considerazione a meno che voi non abitiate in un quartiere molto inn o abbiate richieste particolari)

Come possiamo trovare la colf?

Ci sono due metodi: Il Passaparola. Spargete la voce tra amici e parenti che siete in cerca di un aiuto domestico, in modo tale che possano a loro volta diffondere la notizia. Vedrete che riuscirete a trovare i contatti giusti degli ipotetici candidati da selezionare in poco tempo. E una volta trovati, vi basterà fissare un colloquio e visionare le eventuali referenze. Su internet. Se avete cambiato città o se preferite avere maggiore scelta potete andare sui siti internet specializzati che mettono in relazione chi cerca lavoro e chi lo offre ( per esempio www.tiaiuto.it , www.domostaff.it , www.marypoppins.it , www.gliaffidabili.it, ecc. oppure delle app come homejoy). Sarà necessaria la registrazione e potrete mettere un annuncio dettagliato di quello che state cercando. Di seguito un esempio: [ Salve sono xxx, sto cercando una collaboratrice esperta, possibilmente Italiana, per pulizia della casa e stiro. La mia esigenza è di xxx ore la settimana, preferibilmente nelle ore pomeridiane dopo le 15:00. Cerco una persona che non abbia l’esigenza di utilizzare il cellulare durante le ore di lavoro e che non sia fumatrice. La paga oraria è di 7,50 euro nette ed il pagamento sarà con mezzo Voucher. Sono richieste Referenze ]

COLLOQUI:  Non fermatevi alla prima persona che vedete, ma fate dei colloqui, almeno 3, in modo da poter valutare anche l’empatia che si crea, dopotutto dovrete farla entrare in casa vostra. Date retta alla vostre prime impressioni, fate leva sul vostro istinto e scartate subito quelle persone che vi sembrano poco affidabili. Se il candidato è straniero, accertatevi che sappia leggere e scrivere, perché se dovrà ritirare la posta o firmare una raccomandata, è indispensabile che comprenda se la lettera sia indirizzata a voi o se il pacco deve essere accettato o rifiutato. Inoltre, se dovrà rispondere al telefono, può risultare fondamentale la comprensione della lingua italiana, altrimenti non riuscirà a comunicarvi in modo ideale i messaggi.

Avete trovato la persona giusta? Informatevi bene sulla tariffa oraria richiesta e ricordatevi che è obbligatorio assicurare la colf presso l’Inps. Ricordatevi anche di pianificare bene i compiti che dovrà svolgere e di diversificarle le mansioni giorno per giorno, in modo tale da alleggerirle il carico di lavoro e di farle combattere la routine in modo intelligente. Se non volete metterla in regola, firmate comunque un contratto, così da avere i documenti della persona che è in casa vostra, la prudenza non è mai troppa.

Mary Poppins

REFERENZE. Se non siete ancora sicuri, potete chiedere alla Colf di darvi il numero di telefono di altre famiglie dove ha lavorato, così da poter chiedere conferma delle sue abilità.

CORSI DI FORMAZIONE. Chiedete se ha degli attestati di corsi di formazione. Forse non tutti sanno che la colf, o i domestici, dovrebbero aver conseguito un corso di formazione e sono tantissime le scuole in Italia. Soprattutto se volete prendere un/una domestica fissa, chiedete che lo abbia o che lo faccia. Chiedetele anche se è in possesso di un’assicurazione personale.

Sperando di esservi stata utile

Ek.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Author: ErikaStreppa

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

ErikaStreppa

Erika. Blogger, riccia bionda naturale, amante dei cani e della natura. Mi interesso di Ambiente, Sport, Attualità e faccio anche qualche Recensione. Sono appassionata di Biocosmesi, sempre alla ricerca della Tabella INCI perfetta!

Lascia un commento

Chiudi il menu